Finalità educative

Dal pensiero pedagogico di Mario Lodi, la scuola primaria definisce le proprie finalità educative, declinandole nella quotidianità per costruire un contesto che

“non deve soltanto istruire, ma anche e soprattutto educare…”

Il focus è posto su questi aspetti:

  • rispetto
  • autonomia
  • autocontrollo e comportamento
  • attenzione e partecipazione
  • impegno e responsabilità
  • metodo e organizzazione del lavoro
  • motivazione e interesse

La Scuola Primaria si propone lo sviluppo integrale della persona dell’alunno attraverso le seguenti finalità:

  • Promuovere lo sviluppo ed il raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze previsti dalle Indicazioni nazionali per la Scuola Primaria, in sintonia con le esigenze territoriali/locali;
  • Favorire l’interazione formativa con la famiglia, quale sede primaria dell’educazione, e con la più vasta comunità sociale ed ecclesiale;
  • Agevolare l’inserimento di alunni stranieri extracomunitari con progetti di recupero/sviluppo, garantendo l’interazione tra culture diverse;
  • Promuovere, con riferimento a quanto previsto dalla legge n. 104, un inserimento proficuo ed efficace di alunni portatori di altre abilità con progetti di integrazione rispettosi delle specifiche potenzialità;
  • Favorire e promuovere percorsi didattici personalizzati per gli alunni con bisogni educativi speciali, così da garantire loro un pieno sviluppo delle proprie capacità e il raggiungimento delle competenze previste;
  • Favorire un percorso formativo unitario attraverso collegamenti e sviluppo di percorsi didattici fra i tre ordini di scuola: Infanzia, Primaria, Secondaria;
  • Favorire la “qualità” del servizio scolastico con progetti organici e strutturati nel rispetto delle tappe evolutive degli alunni;
  • Valorizzare le risorse culturali e ambientali offerte dal territorio e dalle strutture in esse operanti.

Obiettivo finale pertanto è la formazione di onesti cittadini e buoni cristiani:

  • capaci di pensare, perciò informati, critici, creativi, liberi;
  • capaci di scegliere secondo priorità di valori e non per semplice interesse e di essere coerenti fino al sacrificio;
  • rispettosi delle convinzioni e delle opinioni altrui;
  • capaci di organizzare il proprio tempo e il proprio metodo di studio.

In particolare, in ogni classe, la programmazione tende ad obiettivi mirati, raggiungibili e adeguati all’età e al campo di esperienza degli alunni. La realtà di ogni gruppo inoltre richiede spesso personalizzazioni che il Consiglio di classe definisce collegialmente.

Obiettivi formativi educativi per ogni classe